Una guida alla memorizzazione nella cache di WordPress e perché è così importante

Come utente di WordPress, devi aver trovato articoli sull’ottimizzazione della velocità di WordPress. L’accelerazione di un sito WordPress comporta molti fattori, tra cui la memorizzazione nella cache è un fattore estremamente importante.


La memorizzazione nella cache se implementata correttamente può ridurre i tempi di caricamento del tuo sito WordPress che può ulteriormente contribuire alle classifiche SEO e consegnare a migliore esperienza utente .

Guida alla memorizzazione nella cache di WordPress e perché è importante

Per sfruttare appieno la memorizzazione nella cache in WordPress, è importante comprenderne il meccanismo e apprendere i modi efficaci per implementarlo.

Come funziona la memorizzazione nella cache?

La memorizzazione nella cache è un archivio temporaneo che mantiene la copia di pagine Web statiche per ridurre i tempi di caricamento. In genere, quando un utente visita il tuo sito WordPress, invia una richiesta al tuo server Web per ogni singola azione che esegue sul tuo sito Web.

In cambio, il tuo web server viene chiamato da WordPress per soddisfare ogni richiesta del visitatore del tuo sito. Queste transazioni avanti e indietro possono causare ritardi se il server è occupato a gestire il traffico o se la distanza tra il visitatore e il server è troppo ampia.

A volte un utente richiede ripetutamente le stesse richieste. Ad esempio, l’intestazione o il piè di pagina di un sito non vengono aggiornati come fanno i post e quando vengono caricati quelli non devono essere recuperati dal server fino a quando non viene modificato. Nel caso di contenuto dinamico, che si aggiorna spesso, il meccanismo di memorizzazione nella cache è in grado di svuotare la vecchia cache e generarne una nuova con contenuto aggiornato.

La memorizzazione nella cache mantiene una copia dei file HTML già serviti una volta dal server all’interno della sua RAM e li consegna immediatamente all’utente senza alcuna elaborazione come ha fatto la prima volta. Questo scambio è più veloce e comporta meno oneri per il server di hosting.

Tipi di cache

Se gestisci un sito WordPress, dovresti tenere a mente due tipi di cache.

  1. Memorizzazione nella cache lato server
  2. Memorizzazione nella cache lato client

La memorizzazione nella cache del server viene eseguita a livello del server e la memorizzazione nella cache del browser viene eseguita sul lato client. Esploriamo ogni opzione per comprenderne l’effetto sulla velocità del sito Web.

1. Memorizzazione nella cache lato server

La memorizzazione nella cache eseguita a livello di server è associata alla memorizzazione nella cache sul lato server. Memorizza le richieste precedentemente richieste dal cliente e invece di ripetere l’intero processo e fornisce semplicemente il risultato finale. Ciò rende più veloce il recupero dei dati e migliora le prestazioni generali del sito. Gli host WordPress come Kinsta e Cloudways eseguono la memorizzazione nella cache sul lato server.

Qui dobbiamo anche comprendere due metodi comuni: cache degli oggetti e cache a pagina intera.

Cache degli oggetti: Invece di memorizzare nella cache l’intera pagina, la cache degli oggetti memorizza solo nella cache i risultati della query ripetuta. Vengono eseguite varie query nel database per recuperare i dati richiesti richiesti dall’utente. La cache degli oggetti memorizza il risultato di queste query frequentemente richieste per una risposta più rapida.

Cache a pagina intera: A differenza della cache degli oggetti, questo metodo memorizza una pagina HTML completa o una vista completa richiesta dall’utente. Questo metodo rende il caricamento della pagina più veloce in quanto non è necessario generare una pagina Web per ogni visita successiva.

Meccanismo di cache di hosting

Molti provider di hosting offrono hosting ottimizzato con funzionalità integrate per la memorizzazione nella cache lato server. Questi provider hanno ottimizzato i loro server a livelli core, il che è più efficace dell’uso di qualsiasi plugin di WordPress.

Un esempio di questo può essere visto su Cloudways che è un cloud hosting WordPress gestito. Il loro stack è ben equipaggiato con un meccanismo di cache avanzato che produce siti Web più veloci. Esaminiamo quali strumenti hanno implementato per la memorizzazione nella cache e quali funzionalità eseguono.

nginx

Questo è un server Web molto veloce famoso per il proxy inverso, la memorizzazione nella cache e il bilanciamento del carico. Nginx viene utilizzato dalla maggior parte dei siti ad alto traffico in quanto può gestire un gran numero di utenti simultanei. È un server Web leggero ad alte prestazioni creato per gestire migliaia di connessioni.

Cache di vernice

Proprio come Nginx, Varnish è anche una cache di proxy inversa. Questo è considerato estremamente veloce e ha detto di aumentare la velocità del sito Web a livelli molto alti. Gli utenti di Cloudways possono anche applicare regole di vernice personalizzate attraverso la loro piattaforma, necessaria per i siti WooCommerce e WPML.

Redis

Questo è un server di set di dati che viene utilizzato per archiviare tipi di dati di alto livello come stringhe, hash, elenchi, set e bitmap, ecc. È implementato per soddisfare un elevato volume di operazioni di lettura e scrittura.

memcached

Memcached si occupa di memorizzare nella cache dati e oggetti nella RAM per fornire dati veloci senza connettersi a un’origine dati o API esterna ogni volta che l’utente effettua una richiesta.

2. Memorizzazione nella cache lato client

La memorizzazione nella cache gestita nel browser dell’utente è associata alla memorizzazione nella cache sul lato client. In genere, quando un utente naviga in una pagina Web, non sta solo caricando il contenuto, ma anche i file JavaScript e i fogli di stile che lavorano dietro le quinte della pagina Web.

Memorizzazione nella cache del browser

La memorizzazione nella cache del browser è il metodo più efficace per la memorizzazione nella cache sul lato client. Quando l’utente visita una pagina Web in un browser, memorizza nella cache le risorse necessarie per visualizzare la pagina come file JavaScript, fogli di stile e contenuto multimediale. Questo contenuto viene archiviato temporaneamente nel browser e viene offerto direttamente dalla memoria locale anziché richiedere nuovamente dal server web.

Implementazione della memorizzazione nella cache in WordPress

WordPress è una piattaforma dinamica che supporta funzionalità ricche di dati e temi ricchi di contenuti. C’è molto spazio per memorizzare nella cache questo contenuto per ottenere pagine caricate più velocemente. Abbiamo già visto come possiamo sfruttare la memorizzazione nella cache lato server e lato client. Vediamo come i plugin di WordPress possono aiutarci a creare un meccanismo di memorizzazione nella cache lato client efficace.

Plugin di cache di WordPress

Esistono molti plug-in di memorizzazione nella cache di WordPress che affermano di velocizzare il caricamento del tuo sito. Abbiamo elencato tre popolari plugin di cache di WordPress.

Brezza

breeze plugin per la memorizzazione nella cache di wordpress

Breeze è un plugin leggero gratuito di Cloudways. Offre tutte le funzionalità necessarie per la memorizzazione nella cache sul lato client.

Il plug-in offre le seguenti funzionalità evidenziate:

  • Minimizzazione di CSS, JS, HTML
  • Compressione Gzip
  • Memorizzazione nella cache del browser
  • Raggruppamento di CSS e JS
  • Ottimizzazione del database
  • Regole della vernice

WP Rocket

wp impostazioni della cache del razzo

WP Rocket è un plug-in di cache ad alte prestazioni che è facile da configurare e viene fornito con tutte le funzionalità di base e avanzate per gestire la cache lato client sul tuo sito WordPress. Alcune delle funzionalità di WP Rocket sono:

  • Precarico della cache
  • Compressione file statica
  • Caching delle pagine
  • Compressione Gzip
  • Ottimizzazione del database
  • Memorizzazione nella cache del browser

W3 cache totale

W3 Total Cache plugin per la cache di wordpress

Con oltre un milione di installazioni attive, il plug-in W3 Total Cache è uno dei popolari plug-in di cache di WordPress.

Il plug-in può essere scaricato gratuitamente da WordPress.org e può essere facilmente configurato tramite la dashboard di WordPress. Ha sezioni separate per ogni funzionalità. Alcune delle funzionalità evidenziate sono:

  • Cache della pagina
  • Cache del database
  • minification
  • Cache degli oggetti
  • Cache del browser
  • Gruppi di cookie

Vantaggi della memorizzazione nella cache di WordPress

Ci sono molti vantaggi nell’implementare una corretta memorizzazione nella cache sul tuo sito WordPress.

  • Migliora la velocità del tuo sito WordPress e migliora l’esperienza utente.
  • Poiché il server non viene sottoposto a ping per ogni singola richiesta ogni volta, riduce il carico sul server di hosting.
  • Inoltre tutti sanno che Google ama i siti più veloci. Pertanto, migliora anche il ranking SEO.
  • Sul lato client, anche la larghezza di banda viene salvata poiché sfrutta il contenuto della cache archiviato nella memoria locale anziché recuperare i dati direttamente dai server.

Se non hai ancora implementato la memorizzazione nella cache sul tuo sito WordPress, ti suggerisco di farlo seguendo questo articolo. Assicurati di eseguire un backup completo del tuo sito come è stato visto dopo l’interruzione del sito WordPress dopo l’implementazione della memorizzazione nella cache. Inoltre, prova le prestazioni del tuo sito prima e dopo aver implementato la memorizzazione nella cache per vedere la differenza che può portare al tuo sito WordPress.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map